Tag

mantenimento e rifiuto al lavoro
Affidamento condiviso: la scelta del genitore collocatario deve salvaguardare il preminente interesse del minore Anzitutto, in tema di affidamento dei figli minori, il giudice decide sulle domande proposte dai genitori nell’esclusivo interesse morale e materiale della prole. La scelta, dunque, di collocare il minore presso un genitore è volta a salvaguardare il preminente interesse del...
Read More
Come è noto, i figli hanno diritto ad essere mantenuti, istruiti ed educati. L’art. 147 Cod. Civ., infatti, impone ai coniugi il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole, obbligandoli a far fronte ad una molteplicità di esigenze dei figli, non riconducibili al solo obbligo alimentare. Tali esigenze, infatti, devono essere estese anche all’aspetto...
Read More
Il nostro ordinamento impone ai genitori di provvedere al mantenimento dei figli fino a quando questi non diventino economicamente autosufficienti. Ma quando i figli maggiorenni diventano indipendenti? Secondo la Suprema Corte (da ultimo, Cass. Civ. n. 6509 del 14 marzo 2017) il dovere di provvedere al mantenimento del figlio maggiorenne, anche se convivente con l’altro...
Read More
Un argomento di grande discussione tra gli ex coniugi è relativo alla gestione del mantenimento dei figli: il coniuge obbligato, infatti, spesso obietta all’altro una gestione impropria del denaro versato per il figlio. Questo genere di discussioni sono particolarmente frequenti quando il figlio è maggiorenne, in quanto il coniuge non convivente si convince di poterlo...
Read More
I coniugi non possono accordarsi sull’assegno divorzile già in sede di separazione consensuale. Solo in sede di divorzio i coniugi, di comune accordo, possono decidere sull’assegno divorzile. Con il divorzio, infatti, i coniugi potranno decidere elargire la somma a titolo di assegno divorzile in un’unica soluzione oppure attraverso i consueti assegni periodici. Tale facoltà, però, non...
Read More
La Legge prevede che all’ex coniuge debba essere riconosciuta parte del trattamento di fine rapporto, qualora egli percepisca un’assegno divorzile, non si sia risposato e sempre che il diritto al TFR sia maturato successivamente alla domanda di divorzio. L’art. 12 bis L. 10 dicembre 1970, n. 898, infatti, prevede che “Il coniuge nei cui confronti...
Read More
Di recente la Suprema Corte di Cassazione ha statuito circa le sorti dell’assegno di mantenimento riconosciuto con sentenza civile prima che venisse dichiarata, con sentenza del tribunale ecclesiastico, la nullità del vincolo matrimoniale, riconosciuta nell’ordinamento italiano a seguito di delibazione. In particolare, la Suprema Corte ha stabilito che, in una simile ipotesi, tale obbligo viene...
Read More
Il genitore non collocatario può versare direttamente l’assegno di mantenimento ai figli maggiorenni, sebbene non economicamente autosufficienti, anche se vivono con l’altro ex coniuge, solo se sussistono gravi e motivate ragioni. In mancanza, l’ex coniuge tenuto a corrispondere il mantenimento non potrà decidere autonomamente se elargirlo all’ex coniuge o ai figli. In effetti, la Giurisprudenza...
Read More
In data 14 novembre 2017 la Corte d’Appello di Milano, di concerto con il Tribunale, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati e l’Osservatorio sulla Giustizia Civile di Milano, ha diffuso un documento denominato “linee guida nella determinazione delle spese extra assegno di mantenimento per i figli minori e i figli maggiorenni non economicamente indipendenti”. Lo scopo...
Read More
Viola l’obbligo di fedeltà ex art. 143 Cod. Civ. chi ricerca relazioni extraconiugali su internet, così statuisce la Cassazione, Prima Sezione Civile, sentenza 16 aprile 2018, n. 9384. Più precisamente, secondo la Suprema Corte, la ricerca di relazioni extraconiugali tramite internet da parte del coniuge comprometterebbe la fiducia tra i coniugi, provocando così una crisi...
Read More
1 2