Skip to main content

Le contese per le eredità tra fratelli sono forse quelle più frequenti.

La gran parte delle contese per le eredità tra fratelli affonda le sue radici in situazioni pregresse relative a disposizioni effettuate in vita dal comune genitore.

Fra le donazioni che cagionano liti per l’eredità tra i fratelli, quelle realizzate attraverso un atto diverso da quello tipico della donazione (cd. donazioni indirette) generano maggiori problemi interpretativi.

E’ necessario considerare che le donazioni indirette sono contemplate dall’art. 809 Cod. Civ. e sono menzionate dall’art. 737 Cod. Civ.

La giurisprudenza di recente ha molto ampliato l’ambito delle donazioni indirette.

Un caso giurisprudenziale afferente ad un’eredità tra fratelli

In una recentissima pronuncia, un fratello naturale conveniva in giudizio la sorellastra, figlia legittima del padre defunto, proponendo la riduzione di un atto di donazione indiretta, onde ottenere la reintegrazione della propria quota di legittima.

In particolare, il fratello chiedeva che venisse riconosciuta, quale donazione indiretta, la rinuncia paterna all’azione di riduzione per l’eredità della madre della sorellastra.

Questa rinuncia, per il fratello, aveva realizzato una donazione indiretta a favore della sorellastra, nominata unica erede universale della propria madre.

All’esito del giudizio la Suprema Corte ha pronunciato il seguente principio di diritto: “La rinuncia del coniuge all’azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima può comportare un arricchimento nel patrimonio della figlia beneficiata, nominata erede universale, tale da integrare gli estremi di una donazione indiretta, se corra un nesso di causalità diretta tra donazione e arricchimento” Cass. 23026/2023.

Lo Studio Legale Lambrate informa…

Le fattispecie ereditarie sono sempre molto complesse. In alcuni casi, le controversie per le eredità tra fratelli, come tra altri, possono riguardano una interpretazione di diritto anche soggetta alla mutevole interpretazione giurisprudenziale. Tuttavia, non bisogna mai dimenticare che la fattispecie astratta deve anzitutto ricorrere anche in concreto con una disamina scrupolosa delle circostanze.

Laddove vogliate una disamina specifica del Vostro caso concreto, potrete contattarci, risponderemo al più presto.