successione ereditaria

All’apertura della successione, i chiamati all’eredità non divengono necessariamente eredi, ma occorre che questi provvedano all’accettazione dell’eredità.

Per l’accettazione dell’eredità, tuttavia, non ci sono atti formali da compiere, perchè l’accettazione dell’eredità si presume da comportamenti concludenti dei chiamati.

Ma quali sono questi comportamenti concludenti da qualificarsi come atti di accettazione dell’eredità?

Negli anni si è posto il problema se qualificare come accettazione dell’eredità la presentazione della dichiarazione di successione o la successiva richiesta di voltura catastale. Questioni risolte dagli Ermellini con un diniego netto, posto che questi atti hanno natura fiscale.

Recentemente poi la Suprema Corte è tronata ad occuparsi della questione, risolvendo il problema se qualificare come atto di accettazione dell’eredità la richiesta di registrazione del testamento e la sua trascrizione da parte del soggetto interessato.

Pure in questo caso la suprema Corte ha ritenuto che questi non siano atti idonee a qualificare un accettazione dell’eredità tacita, trattandosi di adempimenti burocratici e di natura fiscale.

Neppure l’istanza di conversione del debito ai sensi dell’art. 495 Cod. Proc. Civ. costituisce accettazione dell’eredità, secondo gli Ermellini, trattandosi di un atto funzionale ad evitare le conseguenze pregiudizievoli  dell’esecuzione attivata dal creditore del de cuius (Cassazione civile, Seconda Sezione, ordinanza n. 4843 del 19 febbraio 2019.

In pratica, quindi, gli atti di accettazione tacita dell’eredità sono tutti quelli che dimostrino in modo inequivoco  la volontà di accettare del chiamato. Tutti quelli che possono essere compiuti solo come erede.

Ad esempio, costituiscono atti di caccettazione tacita dell’eredità le azioni giudiziarie (la proposizione dell’azione di rivendicazione o dell’azione di riduzione, l’azione di risoluzione o di rescissione di un contratto, l’azione di divisione ereditaria, la riassunzione di un giudizio già intrapreso dal de cuius o la rinuncia agli effetti di una pronuncia in grado di appello oppure ancora l’azione di difesa della proprietà o al risarcimento dei danni per la mancata disponibilità di beni ereditari); il pagamento da parte del chiamato dei debiti lasciati dal de cuius; il conferimento della procura a vendere beni ereditari; la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario.

Approfondimenti

Per ogni approfondimento o chiarimento sull’argomento relativo al risarcimento del sinistro o delle spese legali, lo Studio Legale Lambrate mette a disposizione una email info@studiolegalelambrate.it dedicata a cui rivolgere, senza impegno, ogni richiesta.

Le richieste verranno esaminate dagli Avvocati, che forniranno riscontro nel più breve tempo possibile. Non esitate quindi a contattarci!

Leggi anche:

Qual’è il valore del patrimonio ereditario?

La divisione dell’eredità: attribuzione o sorteggio?

Successione ereditaria: la lesione della quota di legittima, l’azione di riduzione e divisione dell’eredità.

Eredità indivisibile: la “non comoda divisibilità” di un bene

Eredità: lascito di un singolo bene del patrimonio ereditario

Successione ereditaria: la polizza vita per il caso morte

RICHIEDI CONSULENZA
Richiedi una consulenza e un preventivo personalizzato senza impegno, contattando il numero

+39 02 39562550